PRIMAVERA PER GIOVANI MENTI – LA RIVINCITA DEI RAGAZZI POMARICANI

Pomarico è un paese per giovani?

Per rispondere a questo interrogativo una quindicina di ragazzi pomaricani si sono incontrati ieri, sabato 20 aprile, con l’ obiettivo comune di creare una rete di aggregazione giovanile per una crescita socio culturale della comunità Pomaricana.

I temi trattati sono stati diversi, dal coinvolgimento giovanile alle iniziative culturali delle già operanti associazioni locali alla riscoperta del patrimonio storico e culturale che la nostra Pomarico offre, alla solidificazione del senso di appartenenza (il cosiddetto senso civico), attraverso l’ organizzazione attività ed eventi, proposte ed altre iniziative.

Il motore di tutto è la consapevolezza dei ragazzi di aver vissuto per molti anni di un retaggio del passato, ovvero quello di essere stati estromessi dalla vita sociale. Retaggio di una mentalità che ha portato le giovani generazioni al disinteresse verso ogni iniziativa locale, all’ abbandono delle proprie radici e allo spopolamento cittadino.

Giovani “agguerti” che necessitano di una rivincita. Giovani che vogliono mettersi in gioco per dare una speranza ai giovani, seduti intorno ad un tavolo con l’obiettivo di rompere lo schema del “non c’è niente, non si fa niente, non facciamo niente

Ripartire da Pomarico, ripartire dai giovani. Questa è la scommessa dei ragazzi presenti al tavolo operativo, al quale hanno partecipato anche l’assessore BEATRICE DI FESCA in rappresentanza dell’ amministrazione comunale, nonché il dr. ANTONIO CARRESCIA a ed ANNA CALVIELLO in rappresentanza del Comitato Per La Rivalutazione del Centro Storico. 

Insomma un mix di proposte operative che portano ad un secondo incontro nella giornata di sabato 27 Aprile.