Pino Campagna: dal palco di Zelig alla piazza pomaricana

Esordisce come cantante folk, ma il successo televisivo lo riscontra come cabarettista. Un lungo percorso che lo ha visto calcare i palchi più importanti d’Italia. Prima a La Corrida, poi a La sai l’Ultima?, infine a Zelig dove tutt’oggi è uno degli artisti di punta. Dagli esordi, di strada ne ha fatta tanta Pino Campagna e ieri sera, 01/08, ha fatto tappa anche a Pomarico, dove si è esibito in Piazza I Maggio grazie all’Istituto “Vigilanza l’Aquila”. 

Lo spettacolo ha annoverato alcuni degli sketch più famosi che sovente il comico pugliese ripropone nei suoi spazi televisivi. Se da un lato Campagna ha portato sul palco la ricorrente immagine stereotipata del terrone rozzo e ignorante e delle sue difficoltà nell’inserirsi in contesti più formali o comunque alieni alla sua realtà, dall’altra ha affrontato tematiche sociali rilevanti come il rapporto tra i giovani e la realtà virtuale. 

L’artista foggiano ha poi ribadito quello che a suo dire è l’impoverimento qualitativo a cui sta andando incontro il cantautorato italiano, attraverso una serie di parodie che non ha risparmiato né i mostri sacri (De Andrè, Guccini, ecc.), né le “nuove leve” (Cremonini, Fabri Fibra, ecc). Il tutto corollato da un omaggio al sempiterno Edoardo Bennato.

Ha infine chiuso lo spettacolo con una gag sui dialetti pugliesi, attraverso cui Pino Campagna ha reso omaggio alla sua terra, e, prima di congedare il pubblico pomaricano e lasciare spazio alle foto di rito con i fan, ha ribadito il suo sostegno alla lotta contro la leucemia con il suo supporto attivo e costante alla Mitica, squadra di calcio che ha la peculiarità di annoverare tra le sue fila solo ragazzi guariti dalla suddetta malattia.  

L’Agosto Pomaricano, intanto, prosegue questa sera, 02/08, in Piazza della Liberazione: appuntamento alle 21:00 con il saggio di fine anno della scuola di ballo “Oasi Latina”.

 


Alessandro Rosano 

CLICCA SULL’IMMAGINE PER ACCEDERE ALLA GALLERIA FOTO
Translate »