LA STORIA CHE TORNA A CASA

fb_img_15510135675717994269120654947256.jpg

Immaginiamo la storia come un puzzle da costruire pezzo dopo pezzo, giorno dopo giorno, con una particolarità assai intrigante per chi è appassionato di questo tipo di puzzles. Nella “scatola” non vi sono tutti i pezzi per completare la composizione. E dunque il compito degli appassionati di questo mondo, è proprio quello di girare il mondo per cercare tutti i pezzi da mettere insieme armoniosamente, come le note di una canzone. Probabilmente è il senso di appartenenza che porta l’uomo ad interrogarsi sulle proprie origini e lo spinge a capire come si arriva al presente per cercare di migliorare il proprio futuro.

Ed è proprio questa la mission dell’Associazione Culturale “Giuseppe Camillo Giordano”, e cioè quella di ricostruire la storia che ci appartiene attraverso la ricerca e lo studio del patrimonio storico pomaricano.

Ultima iniziativa dell’Associazione concertata con l’Amministrazione Comunale di Pomarico e la Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Puglia/Basilicata, della quale ci giunge notizia attraverso la sua Official Fan Page di Facebook, riguarda il ritorno a casa, di documenti, presso un laboratorio autorizzato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, ancor più antichi rispetto all’Archivio Storico Comunale e che raccontano la storia pomaricana sin dal 1500. L’importante documentazione sarà spiegata e resa visitabile – s’apprende sempre dai social – durante un convegno che si terrà nel mese di marzo p.v.

(G.i.L)

Translate »